Primi giorni alla materna

Da lunedì 6 settembre abbiamo cominciato l’avventura alla scuola materna!
Ogni tanto abbiamo ancora qualche incidente-pipì ma sono soddisfattissima.
Il raggio gioca coi suoi compagni, disegna, mangia di gusto (aiutato delle maestre che magari gli danno una piccola mano spezzettandogli un po’ il cibo): bilancio positivissimo quindi!
Unico neo in questo quadretto idilliaco di serenità: la sua educatrice del nido dell’anno scorso che è venuta in classe a fargli visita.
Me la sono trovata davanti alla porta mentre cercavo di far entrare il raggio semipiangente e portarlo dove c’erano già i suoi compagnetti.
La simpaticissima ha iniziato con la solita tiritera con cui ha stressato tutto l’anno scorso cioè non doveva spannolinarlo perché non percepisce lo stimolo, deve fargli fare il certificato per frullargli i pasti ecc.
Non voglio neanche commentare queste frasi.
Ieri finalmente ho trovato il coraggio e le ho detto di smetterla di trattare mio figlio come un incapace. Troppo tardi forse, avrei dovuto già incavolarmi mesi fa…
Ragazzi, che peso mi sono tolta finalmente!
Una cosa è tentare di stimolare il bambino a dare il meglio che può, un’altra è cercare la via più breve per non dovergli prestare troppa attenzione.
“Occuparsi di un bambino: è questo il nostro paradiso, qui, sulla terra”
Da: “la Disabilità non è un Limite. Se mi Ami Costringimi a Cambiare”, Reuven Feuerstein, Yaacov Rand, Rafi Feuerstein in collaborazione con Nessia Laniado e Gianfilippo Pietra, ed. Libri Liberi 2005