E’ quasi estate

Non vedo l’ora di essere in ferie per avere un po’ più di tempo per andare a spasso con M. , ormai manca poco.
Praticamente ogni giorno o quasi impara una parola nuova.
Finalmente suo padre ed io riusciamo a capire le sue necessità, i suoi desideri e anche i suoi capricci (sigh).
Se ora penso a quello che mi avevano detto quando avevano scoperto la sua ACC… lasciamo perdere che è meglio!
Da un paio di settimane al mattino cerco di trovare un pochino di tempo per giocare con M.: non sono i giochi per favorire la motricità fine come aveva detto la dottoressa che ci segue ma pazienza, ogni cosa a suo tempo.
M. ha anche ripreso la fisioterapia una volta a settimana dopo le ferie della terapista e per ora andiamo avanti, finchè non ci prenderà in carico il psicomotricista. A dire la verità fosse per me M. smetterebbe con tutti questi incontri perchè sarà forse il cuore di mamma a tradirmi, ma a me non sembra abbia più una grossa necessità di trattamento. Però appunto io non sono un medico…
Ultimamente mi chiedo spesso come sarà da grande, se sarà felice, se troverà una ragazza, se sarà bravo a scuola (suo padre ed io non eravamo proprio brillantissimi, ehm…): vorrei che si potesse schiacciare un tasto e vedere come sarà tra parecchi anni.
Dopo aver buttato via, letteralmente il suo primo anno di vita tra preoccupazioni, malesseri e paure ora mi sto riappacificando col mondo.

Progressi

In questo momento sono sempre alle prese con i cibi a pezzetti per M. .

Ci sono dei giorni in cui non ne vuole proprio sapere, neanche nascondendo i pezzetti di pappa in qualcosa dalla consistenza  più cremosa.

Un’altra cosa che devo fare è convincere il mio angioletto (!) ad abbandonare l’uso del biberon: ormai è grande!

Sono contenta perchè in questi giorni sta imparando un mucchio di paroline nuove. Oggi ce l’aveva col “tao” (Ciao) e lo diceva a tutti così ho salutato anch’io tutti i perfetti sconosciuti che abbiamo incontrato mentre andavamo al parco giochi.

Che meraviglia anche poi vederlo salire quasi di corsa le scale dello scivolo e poi scivolare coi suoi amichetti!

M. si sta anche appassionando all’uso del triciclo (anche se quando con suo papà lo portiamo al parco giochi tutti i bimbi ci chiedono di poter fare un giretto sopra…): gli piace farsi spingere mentre tiene le manine sul manubrio ed i piedini sui pedali (bloccati però per ora perchè non li spinge ancora) anche se il suo massimo è salire a in piedi sul sellino e farci prendere un colpo.

Un dubbio che però mi viene è se l’ho trattato con troppa delicatezza sino ad oggi.

Da quando aveva pochi mesi, mi comportavo come se fosse di vetro e potesse rompersi da un momento all’ altro. Anche ora mi viene da essere iperpotettiva, ma molto meno.

Devo imparare un pochino a lasciargli i suoi spazi, a sperimentare giochi e movimenti e… sì… anche a lasciare che prenda qualche sederata in terra col pannolino perchè impari sino a dove si può spingere per adesso.

Martin Luther King – Be the best you can be

 

 

What Is Your Life’s Blueprint?

 

When you discover what you will be in your life,
set out to do it as if God Almighty called you
at this particular moment in history to do it.
Don’t just set out to do a good job.
Set out to do such a good job that the living,
the dead or the unborn couldn’t do it any better.

If it falls your lot to be a street sweeper,
sweep streets like Michelangelo painted pictures,
sweep streets like Beethoven composed music,
sweep streets like Leontyne Price sings
before the Metropolitan Opera.
Sweep streets like Shakespeare wrote poetry.
Sweep streets so well that all the hosts of heaven and earth
will have to pause and say:
Here lived a great street sweeper who swept his job well.

If you can’t be a pine at the top of the hill,
be a shrub in the valley.
But be the best little shrub on the side of the hill.

Be a bush if you can’t be a tree.
If you can’t be a highway, just be a trail.
If you can’t be a sun, be a star.

For it isn’t by size that you win or fail.
Be the best of whatever you are.

 

 

Quando scoprirai quel che vuoi essere nella tua vita,
fa in modo di farlo come se l’Onnipotente t’avesse chiamato
in questo particolare momento della storia per farlo.
Non far soltanto in modo di fare un buon lavoro.
Fa in modo di fare un tale lavoro che i viventi, i trapassati
e i non ancora nati non possano far di meglio.

Se ti capita in sorte d’essere uno spazzino,
spazza le strade come Michelangelo dipingeva quadri,
spazza le strade come Beethoven componeva musica,
spazza le strade come Leontyne Price cantava all’opera,
spazza le strade come Shakespeare scriveva poemi.
Spazza le strade così bene che tutti in Paradiso e in terra
debbano fare una pausa e dire:
Qui visse un grande spazzino che fece davvero bene il suo lavoro.

Se non puoi essere un pino sulla cima della collina,
sii una saggina nella valle,
ma sii la migliore piccola saggina
sul crinale della collina.

Se non puoi essere un albero,
sii un cespuglio.
Se non puoi essere una via maestra
sii un sentiero.
Se non puoi essere il sole,
sii una stella.

Perchè non è per via delle dimensioni
che si ha successo o si fallisce.
Sii il meglio di qualsiasi cosa tu sia.