La nostra storia – terza parte

Iniziano quindi per noi una serie di accertamenti d’urgenza quali: l’amniocentesi e due risonanze magnetiche alla testa del mio bimbo nella pancia.
L’amniocentesi risulta perfetta, riguardo alle risonanze invece non si riesce a visualizzare bene la testolina perchè il piccolo si muove continuamente e le immagini risultano tutte sfocate.
Vorrei aprire una parentesi sull’amniocentesi. A me avevano detto di non farla perchè avevo trent’anni ed un bitest perfetto, ma dopo che è stata diagnosticata l’ACC al piccolo mi hanno chiesto perchè non l’avessi eseguita quando dovevo e non avessi chiesto esami genetici più approfonditi.
Spesso mi capita di consigliare l’amniocentesi ad amiche o colleghe incinta, non spiego mai la ragione per non spaventarle, ma naturalmente nessuno sceglie di sottoporcisi.
Insieme a mio marito abbiamo perso diverse amicizie per aver consigliato l’amnio. Spesso ci siamo sentiti rispondere che avevano già visto che era tutto ok con l’ecografia tridimensionale…
E’ stato un periodo tremendo.
Sarei stata in tempo per l’aborto terapeutico, ma da subito ho capito che non ce l’avrei fatta. Acc o no era pur sempre mio figlio!
Sono state due settimane difficilissime dovendomi opporre ad amici e parenti che erano tutti pro aborto e convincendo anche mio marito a far nascere nostro figlio.
L’ho fatto per me stessa, non per credo religioso, ma solo perchè non avrei mai potuto vivere con un rimorso del genere.
Mi è stato spiegato inoltre che un bambino con gravi problemi si muove pochissimo nel pancione, il mio bimbo invece si agitava moltissimo (durante la prima eco morfologica, con un calcio, ha spostato la sonda al dottore)!
Decido infine, una volta ufficializzata la decisione di portare avanti la gravidanza, di sottopormi ad una seconda ecografia morfologica con il mio ginecologo di fiducia.
L’esame dura più di un’ora perchè gli chiedo di guardare ogni singolo centimetro del bimbo. Temevo che ci fosse più di un’agenesia. Con nostro grandissimo sollievo non risulta nient’altro di particolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *