Primi libriccini mirati e prime sedute sul WC.

Questa settimana siamo riusciti a portare il raggio al nido

uscendone quasi indenni sembra, solo un po’ di tosse fastidiosetta.
Approfittando quindi dei momenti liberi in cui il pargolo è all’asilo, sono riuscita col marito a comprargli dei libriccini per imparare nuove paroline e – perchè no – per abituarlo anche all’idea di essere spannolinato a breve.
Il primo libro che abbiamo acquistato si chiama Il vasino di Andrea.
E’ molto carino, secondo me. La sagoma del bambino è legata ad una fettuccia. In ogni pagina c’è uno spazio per collocare appunto il bimbo nelle diverse situazioni, sino all’ultima pagina in cui va seduto sul vasino.

Altro libro acquistato è stato Il mio primo libro dei colori.

 
Ci è piaciuto perché le illustrazioni sono molto chiare: per ogni colore c’è un’immagine TUTTA di quel colore, molto utile affinché il bambino non si confonda tra un colore e l’altro.
Questo libro potrebbe essere utile per chi ha un bimbo con ACC come noi e deve insegnargli i colori, come scritto nel post di Sandie tradotto sull’imparare i colori.
Stiamo infine facendo le prime prove sul WC, per ora quasi sempre per finta (ma almeno è già un inizio), di plin plin e pupù, tanto per abituare il pupo alla nuova routine.
Speriamo che arrivi il caldo a breve, almeno gli compro degli slippini carini, glieli metto e mi lancio all’avventura (aiuto!).

Buona Pasqua

Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi… invece no! Nel nostro caso non vale perchè andremo dai genitori e dai suoceri.
Il raggio ha già timidamente iniziato a spaccare le prime uova arrivate dai vari parenti, staccando poi dei pezzi enormi di cioccolata ed infilandoseli in bocca INTERI per golosità.
Tralascio di descrivere il livello di sporco delle manine dopo questa estenuante lotta nel cacao!
Auguri quindi a tutti: lettori, amici ed anche a chi semplicemente passi di qui per caso! Buona Pasqua a tutti.

Imparare i colori

Ecco a voi un nuovo post di Sandie, su come insegnare i colori ai bimbi con agenesia del corpo calloso.
Il post originale è qui.
Chiunque desiderasse fornire una traduzione migliore è il benvenuto!
Buona lettura.

BLU

Chiedete a dei bambini che hanno l’agenesia del corpo calloso che colore è e loro lo sapranno.
Tuttavia alcuni bambini che hanno l’ACC hanno difficoltà ad imparare i colori.

Molti bambini che hanno l’ACC hanno difficoltà con le cose astratte.

I COLORI sono astratti.

Mio figlio, Matthew, che ha una completa ACC non sa ancora cosa sono i colori.
Ha 16 anni e oltre, l’età tipica in cui un bambino dovrebbe conoscere i colori.

Sa come si chiama un oggetto ma tentare di aiutarlo a capire che l’oggetto ha un colore è qualcosa che trovo impegnativo e non sono l’unica.

Recentemente, l’argomento riguardante l’imparare i colori è stato menzionato in una discussione online da genitori che hanno un figlio che ha l’ACC.

La discussione apre la strada a molte risposte interessanti da altri genitori che anche hanno un figlio con l’ACC.

Pensavo che varrebbe la pena di condividere qui i suggerimenti, i consigli e le strategie didattiche.

Grazie a tutti i genitori che hanno dato il loro apporto alla discussione e hanno dato anche il permesso di essere citati. Sono in grado di condividere con voi.

DOMANDA CHE HA INIZIATO LA DISCUSSIONE:

UN GENITORE DI UN BIMBO DI 6 ANNI CHE HA ACC SCRIVE:
Mio figlio David, 6 anni, non ha ancora capito i diversi colori. E’ una cosa comune per i bambini con ACC?
E qualcuno sa perché c’è questa difficoltà ad imparare?
Spero che abbiate capito il mio inglese…

IL GENITORE DI UN UNDICENNE CON ACC RISPONDE:
E’ tipico dei bambini con ACC. Almeno una volta l’anno qualcuno chiede questa stessa domanda.
I colori sono effettivamente un concetto astratto, che è il motivo per cui sono più difficili da imparare.
Ci sono volute un sacco di ripetizioni per impararli e Jacob confonde comunque bianco e giallo
anche se egli è nelle classi normali a scuola.
Quando era piccolo Jacob ci siamo messi insieme con il suo insegnante e si avvicinò con una tabella dei nomi dei colori e delle immagini che egli scelse che sono stati più concreti.
Quando chiediamo che di che colore è qualcosa, lui avrebbe detto qualcosa come “il colore delle fragole, rosso. O il colore come le nuvole, bianche.

Trovare qualcosa di più concreto da nominare e quindi associarlo con il nome del colore. E’ anche meglio se lo lasciate scegliere i nomi degli oggetti.

Spero di essermi spiegata bene 😉 Molti bambini ACC hanno imparato i colori in questo modo.
Non sorprendetevi se ciò richiederà diversi mesi o un anno. Verrà.
I bambini ACC richiedono solo più tempo.

Il colore di una fragola

ROSSO

SUGGERIMENTO:
“Trovate qualcosa di più concreto da nominare e quindi associatelo con il nome del colore. E ‘anche meglio se lo lasciate scegliere i nomi degli oggetti”.

Nella prossima risposta di un’insegnante che è anche genitore di un bimbo cresciuto con ACC, sono state sollevate
alcune importanti considerazioni:

* Il bambino può davvero vedere i colori
* Il bambino è stato valutato per il daltonismo?
* Il bambino è in grado di abbinare i colori?
* Il bambino è in grado di classificare le cose tramite il loro colore?

L’insegnante/genitore di un bambino cresciuto con ACC parziale + oloprosencefalia lobare
risponde:
Il tuo inglese è bello. Vorrei sapere un’altra lingua, così bene come tu conosci la nostra!
Molti bambini hanno questo problema. Prima di tutto, David può veramente vedere i colori?
E’ stato valutato per il daltonismo di qualsiasi tipo? E’ in grado di abbinare i colori, o di classificare le cose tramite il loro colore?
Se può fare questo è pronto ad andare avanti.
A volte un bambino può imparare a rispondere al nome di un colore, più facilmente di quanto non possa in realtà nominarlo
lui stesso. Si potrebbe iniziare dicendo i nomi e far scegliere a lui quello giusto.
Se può leggere già, si potrebbe dargli una tabella con i colori e i loro nomi, e consentirgli di utilizzare per l’abbinamento dei colori.
Una mia amica insegna [a bimbi] in età prescolare e fa usare ai suoi figli oggetti familiari per aiutare i suoi studenti.
Ha fatto un tabellone con delle foto e loro dicono “giallo come una banana” e “verde come l’erba” (avete bisogno di una foto,
perché l’erba non è verde in inverno!) e così via.
Potresti voler lavorare su pochi, forse tre colori in un primo momento.

GIALLO come una BANANA

VERDE COME IL PRATO


La stessa insegnante/genitore è andata avanti dicendo:
Mia figlia ha imparato i colori così. Amava dipingere ed avevamo vasetti di pittura di ogni colore,
con un pennello differente per ciascuno

 

Gliene lasciavo solo uno alla volta e non la lasciavo indicare col dito quello che voleva, ma doveva dire la parola [il nome del colore].
All’inizio era frustrata per il fatto di non ricevere il colore che voleva.
Diceva: “No! Voglio l’ALTRO blu!”. Ma amava così tanto dipingere che ha finalmente capito.
Potreste trovare qualcosa di simile a questa con cui David è molto motivato a giocare che funziona nello stesso modo per lui.

La motivazione è un fattore di enorme aiuto per aiutare un o ad imparare qualcosa.
Altrettanto importante è trovare quale modello di apprendimento funziona per un bambino.

Mio figlio Matthew è non verbale, con solo una manciata di parole.
E’ un allievo visivo + uditivo.

Egli è in grado di esprimere ciò che conosce e capisce meglio attraverso l’uso di un computer o un dispositivo
di comunicazione aumentativa. Questo gli consente la possibilità di vedere e sentire qualcosa di più e più volte
su cui sta lavorando per l’apprendimento e gli dà la libertà di utilizzare come ripetizione quanto ne ha bisogno.

Matthew ha bisogno di vedere una foto, premere un pulsante e sentire le parole. Utilizza un dispositivo di comunicazione Dynavox V.
Sotto c’è una pagina coi colori che ho creato sul suo dispositivo di comunicazione per aiutarlo ad imparare i colori.

 

Posso aggiungere altre immagini, cambiare le immagini di diverse cose rosse, utilizzare meno immagini,
mettere foto reali di cose rosse, digitare qualsiasi tipo di messaggio che si desidera che il pulsante dica quando quando vine pigiato e molto altro ancora.
Anche se a 16 anni, mio figlio, Matthew, è non verbale (con solo una manciata di parole) lo incoraggio
e lo aiuto sempre ad emettere un suono a e cercare di dire parole ogni volta che è possibile.

Matthew non è in grado di abbinare o di classificare usando un metodo tipico.
Se gli porgo un oggetto e gli chiedo di abbinarlo al colore giusto, non capisce.
Tuttavia ho scoperto che è in grado di abbinare e di classificare usando un altro metodo
che si adatta al suo metodo di apprendimento ed alle sue abilità.

Il metodo di corrispondenza usato da Matthew per esprimere la sua capacità di abbinare è attraverso l’uso di libri di Jim Priddy.
I libri hanno una grande foto colorata di un oggetto su una lato della pagina e un pulsante parlante con l’immagine corrispondente
sul lato opposto.
Quando preme il pulsante corrispondente immagine, sente la parola detta a voce alta.
Ho scritto un precedente post del blog ACC intitolato
“Matching & Motivation http://agenesiscorpuscallosum.blogspot.com/2009/06/matching-motivation.html
dove spiego più dettagliatamente le abilità ed i metodi di Matthew nell’abbinare o classificare.

Il genitore di una bambino di 7 anni con ACC e autismo risponde:
Sono d’accordo con (nome del genitore), questo post è salito diverse volte prima, e sembra che sia
un problema per molti dei nostri figli. Tuttavia per aggiungere un colpo di scena a questo argomento
Michael può identificare i colori (oltre a forme, lettere e numeri) da quando aveva circa 2 anni.
Non parla così punta [col dito] per identificare, ma ha sicuramente preso un interesse in
queste campi e li ha imparati senza dubbio molto presto.
A livello cognitivo Michael è circa a livello di un bambino di 2 o 3 anni.
Non capisco come/perché Michael abbia potuto imparare i colori così tanto più velocemente dei bambini più grandi e
asintomatici? Penso che ritorni alla memorizzazione meccanica [a memoria], che l’astrattezza di tutto ciò
non colpisca Michael.
Michael è stato diagnosticato come lievemente autistico, così anche questo in qualche modo entrare nel
foto così??
Non lo so?

Il genitore di un ragazzo di 21 anni con ACC + microdelezione del cromosoma 1q44 risponde:
Sono d’accordo con tutti e con ciò che è stato detto sull’imparare i colori.
Quando mia figlia Becky era molto piccola poteva abbinare i colori o passarti “gli orsi gialli” o “la tazza rossa” se richiesto.
Ma ad oggi, se chiedete di che colore è una cosa dice “blu”.
Penso che Becky abbia un problema di recupero della parola, così come lo hanno gli altri bambini che hanno ACC.
Lei sembra avere un percorso nel suo cervello che dice “la risposta alla domanda ‘che colore è’ è BLU.”.
E’ la prima cosa che le viene in mente così la dice.
Dopo ciò inizierà a dire i nomi di altri colori, ma non sempre nel modo giusto – anche se sappiamo che lei ha li ha conosciuti per anni e anni.
(Da un lato, penso sempre che avrei potuto impressionare la gente ponendo qualche domanda astratta di Becky, come, “Becky, di che colore è il cielo dopo che è passata una tempesta?,” o “Becky, di che colore è lo sfondo delle stelle nella bandiera americana ?

Avrebbe sicuramente detto, “blu”. Lei risponde sempre “blu” fintanto che la questione è “di che colore”.
Se chiedi a Becky di che colore era vestito di Babbo Natale lei dirà sempre blu.
Se chiedete a Becky di che colore era vestito di Babbo Natale vi dirà blu, (o di che colore colore è l’erba, o il sole …).

I colori sono davvero un concetto astratto quindi vorrei prima vedere se il vostro bambino può abbinare o puntare ai colori.
Se fa ciò correttamente, allora saprete che il nominare i colori è il problema, non la loro comprensione. La ripetizione, la ripetizione e la ripetizione è la chiave per l’apprendimento della parte verbale.
Mi piace molto l’idea di (nome del genitore) di dipingere le pentole, dal momento che sua figlia era così fortemente motivati ad capire bene.
Se c’è la motivazione + la ripetizione, l’apprendimento dovrebbe avvenire più velocemente.
Penso anche che l’aggiunta di uno spunto come “blu come il cielo, verde come l’erba” è un aiuto enorme in quanto fornisce un “cartello stradale” extra alle strade del cervello per ottenere il giusto colore.


Osservazione interessante
“Lei sembra avere un percorso nel suo cervello che dice che la risposta alla domanda ‘che colore è’ è blu.”

CONSIGLI:
“I colori sono davvero un concetto astratto quindi vorrei prima vedere se il vostro bambino può abbinare o puntare ai colori. Se fa ciò correttamente, allora saprete che il nominare i colori è il problema, non la loro comprensione”.

“Se c’è la motivazione + la ripetizione, l’apprendimento dovrebbe avvenire più velocemente.”

Penso anche che l’aggiunta di uno spunto come “blu come il cielo, verde come l’erba” è un aiuto enorme in quanto fornisce un “cartello stradale” extra alle strade del cervello per ottenere il giusto colore.

Madre di un bambino di 4 anni, con parziale ACC scrive:

“Avevo gli stessi problemi con mio figlio Steve. Ho anche pensato che potesse essere daltonico.
In qualsiasi momento chi gli chiedeva di che colore era qualcosa lui rispondeva sempre “ROSSO”.
Ora, dopo mesi di lavoro molto duro sui colori, sta cominciando a essere in grado di capirli.
Lui ancora non ha sempre la parola giusta, ma può abbinare i colori in modo accurato.
Abbiamo finito per partire con un sacco di corrispondenza e di giochi di classificazione.
Ci siamo ritrovati ad iniziare con un mucchio di giochi di classificazione e abbinamento.

Ho messo 3 secchi di colore diverso, e avevo gli oggetti che erano di quei colori.
Steve avrebbe dovuto poi ordinare gli oggetti nel secchio col giusto colore.
Dopo poche settimane poteva farlo, e allora siamo passati agli abbinamenti: ho preso diversi oggetti colorati e ho tenuto un pezzo di carta rossa e gli ho fatto afferrare l’oggetto rosso.
Con tutto ciò, sto scoprendo che la costanza e la pazienza sono gli strumenti migliori da avere”.

CONSIGLIO:
Abbiamo finito per partire con un sacco di corrispondenza e di giochi di classificazione.
Ci siamo ritrovati ad iniziare con un mucchio di giochi di classificazione e abbinamento.
Ho messo 3 secchi di colore diverso, e avevo gli oggetti che erano di quei colori.
Steve avrebbe dovuto poi ordinare gli oggetti nel secchio giusto colore.

Interessante osservazione: problema di recupero della parola…?

“Quando mia figlia Becky era molto piccola poteva abbinare i colori o passarti “gli orsi gialli” o “la tazza rossa” se richiesto.
Ma ad oggi, se chiedete di che colore è una cosa dice “blu”.
Penso che Becky abbia un problema di recupero della parola, così come lo hanno gli altri bambini che hanno ACC.”

“In qualsiasi momento chi gli chiedeva di che colore era qualcosa lui rispondeva sempre “Rosso”.
Ora, dopo mesi di lavoro molto duro sui colori, sta cominciando a essere in grado di capirli.
Lui ancora non ha sempre la parola giusta, ma può abbinare i colori in modo accurato.”

“Avrebbe potuto scegliere il colore corretto, ma non poteva dirmi il colore.”

CONSIGLIO:
“Con tutto ciò, sto scoprendo che la costanza e la pazienza sono gli strumenti migliori da avere”.

Il genitore di un bambino con ACC di 13 anni scrive:

“Sì, sembra che ci sia un problema con i colori.
Mio figlio Jacob ha impiegato 2 anni per imparare i colori.
Avevo ogni libro, storia, gioco o giocattolo, che insegnava i colori.
Sapevo che non era daltonico perché poteva suddividere i piccoli orsetti colorati in piccoli cestini colorati.
Abbiamo provato ogni metodo e di gioco per imparare i colori e poi un giorno quando aveva 4 o 5 ha imparato i colori e non ha mai fatto un errore di nuovo.”

La mia teoria su questo è che può essere dovuto a un ritardo o problema nel processo di visualizzazione. Egli ha un ritardo di elaborazione visiva. Come per molti problemi legati all’ACC la ripetizione è la chiave un giorno avranno l’EUREKA! Il cervello è sorprendente “.

Il genitore di un bambino di 5 anni con ACC, colpocefalia, Chiari 1, disordini di integrazione sensoriale, strabismo e idrocefalo risponde:

“E’ sicuramente sembra comune per i bambini ACC ad avere problemi con i colori. Lisa avuto lo stesso problema. Avrebbe potuto scegliere il colore corretto, ma non poteva dirmi il colore. Abbiamo usato un sacco di ripetizione con Lisa, ovviamente usiamo un sacco di ripetizione in qualsiasi cosa con Lisa, ma una volta che ci arriva, di solito non dimentica.
Lisa è molto golosa, così abbiamo usato M&M’s, birilli, pezzi di Reeces, blocchi, pastelli, appuntiti per ingozzarsi quando siamo fuori e in giro. Volevo dirle di guardare il segnale rosso di stop, la maglia gialla. Con la caramella, le mostravo i colori, glieli dicevo e glieli facevo ripetere. Gliene mostravo una: se diceva il colore corretto poteva mangiarlo.
Ho sempre detto il colore di un oggetto anche per aiutarla.
Lisa è sempre ordinato il suo blocchi / giocattoli per colore e forma. Vorrei sempre commentare la sua combinazione di colori, sì vale a dire amo come mette prima i rossi poi i gialli ed i blu.


Non ha ancora imparato i colori, ma ora ha fatto prendere un sacco di esercizi e lezioni improvvisate. Fare ogni giorno un momento di apprendimento, con tutto ciò che sta lavorando al momento.
Fa ogni giorno un momento di apprendimento, con tutto ciò che sta lavorando al momento.
Inoltre, se si sta lavorando su un altra competenza specifica in questo momento, potrebbe avere problemi con l’apprendimento dei colori. Lisa può lavorare solo su un abilità alla volta e le altre sono a bordo campo. ”

CONSIGLIO: Il genitore di un bambino ACC e idrocefalo nel 2003 scrisse

“Per quanto riguarda i colori, aggiungete il colore di qualsiasi cosa stiate facendo, vedendo, nella conversazione – oggi desideri indossare la camicia rossa o verde? Facciamo un insalata – useremo carote, arancia, insalata verde ,…”

CONSIGLIO:
“Lisa è molto golosa, così abbiamo usato M&M’s… le mostravo i colori, glieli dicevo e glieli facevo ripetere. Gliene mostravo uno: se diceva il colore corretto poteva mangiarlo.”

 

CONSIGLIO:
“Come per molti problemi legati all’ACC la ripetizione è la chiave un giorno avranno l’EUREKA! Il cervello è sorprendente “.

Se tutto va bene guadagnerete un’intuizione, scoprirete una strategia di insegnamento da provare o eventualmente sarete ispirati ad esplorare altri modi creativi per aiutare il vostro bambino che ha ACC ad imparare i colori.

E ‘il momento per me di andare. Io non vedo l’ora di aiutare mio figlio, Matthew, ad imparare i colori.
La discussione non deve finire qui. Non vuoi andare avanti e aggiungere il tuo parere?

Scarica il post in formato .pdf