Insegnante di sostegno: goie e dolori.

Qualche settimana fa ho firmato il PEI a scuola e ieri è finalmente finita e sono iniziate le vacanze di Natale.

Il raggio sta recuperando parecchio in questi mesi, grazie soprattutto all’impegno dell’insegnante di sostegno, ma anche alla mia promessa di regalargli il 3DS Nintendo se per Natale fosse tornato sempre a casa senza note sul quaderno. Voglio vedere che faccia farà domani quando glielo consegnerò, dopo questi mesetti di attesa!

Grazie ad un lavoro costante (sia a scuola che a casa) prima sulle singole lettere e poi sulle sillabe ora legge pian piano paroline intere. A mano a mano che si velocizza, sembra sempre più incuriosito a tentare di leggere paroline nuove. Il sollievo che provo nel vederlo progredire è indescrivibile! In questi anni ho accettato il divario che esiste tra lui ed i suoi compagni, ma non per questo desisto nel proporgli le stesse attività o quasi dei compagni e dei coetanei.

Nelle scorse settimane il raggio mi ha raccontato spesso delle sue sessioni di scrittura e lettura delle sillabe nella biblioteca scolastica  con la maestra d’appoggio così quest’anno mi sono fatta coraggio e ho chiesto appunto, durante la consegna del PEI, come sono strutturate le mattine del pargolo. E qui, RULLO DI TAMBURI, ho scoperto che le sue ore di sostegno vengono utilizzate “in cooperativa”.

Mi spiego. Durante le prime due ore al mattino (in cui è più attento e meno propenso a distrarsi) va in biblioteca con il sostegno a scrivere e leggere senza interruzioni. Prima dell’intervallo l’insegnante lo riporta in classe perchè così gioca insieme ai compagni. Infine il raggio rimane in classe SENZA SOSTEGNO perchè la sua maestra porta fuori classe un’altra bambina con la legge 104.  Il mio primo istinto è stato di denunciare: tutti, dalla dirigente scolastica a cascata sino alle collaboratrici scolastiche. Poi però mi sono fermata.

Questo metodo, seppure bizzarro, sta funzionando per il raggio. Passata l’incazzatura ho anche riflettuto sul fatto che, se riesce veramente a stare in classe senza aiuto, posso considerarlo un progresso. Infine, avendo il pargolo la legge 104 con gravità, non potrebbe stare in classe con un’altra bambina certificata, ma mi rifiuto di fare la guerra tra poveri: dove c’è posto per uno, ce n’è anche per due!

Anche per me che sono tendenziamente aggressiva è un passo avanti riuscire a collaborare con le insegnanti, senza sentirmi attaccata e senza finire in discussioni infinite e sterili.

Per questo Natale quindi (anche se ormai sono diversi anni che non lo percepisco più e quindi non riesco a godermelo) chiederò un po’ di pazienza, la capacità di distinguere tra ciò che posso cambiare e ciò che non posso e la forza di accettarlo.

Buone Feste a tutti, un abbraccio!

!cid_image002_gif@01D138EA

Il raggio scout

KeepCalmStudio.com-[Crown]-Keep-Calm-And-Love-Scout

Ieri prima caccia scout per il raggio. Da ottobre infatti, ho voluto tentare di inserirlo nel gruppo del nostro quartiere.
C’è stato un momento di crisi prima di partire perché non ce l’ha fatta a seguire la messa (in questi week end proverò ad accompagnarlo ed a stare con lui a Messa nella chiesetta in piazza sopra casa nostra).
Prova a resistere solo se gli sto vicino, invece ieri Akela l’ha preso con sè e lo ha portato in mezzo ai bimbi così tra la chiesa nuova (quella in Via Lomellini, per chi è di Genova) e l’organo che aveva un suono secondo me molto bello ma per il raggio forse troppo forte, siamo dovuti uscire ed andare a prenderci un caffè aspettando che terminasse la funzione.
Il branco ha preso la funicolare Zecca-Righi (per chi non è di Genova è una specie di trenino che si “arrampica” dal centro città al Righi che è la zona collinare alle spalle della città) e ha fatto una piccola camminata.
A parte una piccola caduta che comunque non gli ha provocato grossi problemi si è divertito molto. Uno dei vecchi lupi gli ha fatto provare a suonare la chitarra così ne ha chiesta una a me e al papy per Natale!
L’unica piccola ansia è che gli educatori non chiamano, non mandano foto, non dicono nulla insomma! Ieri poi sono arrivati un’ora dopo quanto preannunciato. Se questa estate manderemo il raggio al campo o se più semplicemente parteciperà a qualche bivacco, penso che dovrò prepararmi un camion di camomilla (o meno prosaicamente un clistere di valium).  😉

Viaggio nel Mediterraneo, inseguendo sole e caldo

Il mese scorso siamo andati in crociera.

Una settimana.

Una goduria.

Percorso: Marsiglia – Tarragona – Malta – Cagliari – Civitavecchia.

Marsiglia

Marsiglia

Se dipendesse da me a Marsiglia prenderei tutte le volte il trenino turistico e andrei al Santuario di Notre Dame de La Garde, ma visto che marito e ragazzino pianificherebbero nottetempo il mio omicidio questa volta ho optato per un giro sul lungomare e sessione di shopping. Un giorno mi piacerebbe però visitare l’interno della Cattedrale di Santa Maria Maggiore.

Tarragona

Non ero invece mai stata a Tarragona, città catalana carinissima a circa 100 Km da Barcellona inserita ovviamente nel percorso in sostituzione di Tunisi. Siamo sbarcati in città il giorno prima dell’inizio ufficiale della festa di Santa Tecla: per le strade si cantava, si ballava e c’era un allegria contagiosa. Mentre il pargolo dilapidava i nostri sudati risparmi comprando ogni tipo di souvenir, un giornalaio gentilissimo nei dintorni della Cattedrale ci ha regalato la guida di tutti i festeggiamenti previsti nell’arco della settimana che (purtroppo) ci siamo persi. Abbiamo scoperto la tradizione dei castells e, anche in questo caso grazie al trenino turistico, abbiamo girato tutta la città ed i luoghi più caratteristici come la spiaggia del miracolo

spiaggia miracolo

ed il balcone del Mediterraneo con il suo panorama incantevole

tarragona panorama

Malta

la valletta

Bellissima da lasciare senza parole e caldissima, così come ce la ricordavamo 12 anni fa quando ci eravamo transitati durante il nostro viaggio di nozze. L’unica differenza significativa è che ora c’è un ascensore che porta ai Giardini Barracca e non si è più costretti ad arrivarci facendo tutto il giro lungo la strada. Sarebbe fantastico riuscire a fermarcisi una settimana durante le prossime ferie estive, anche se credo dovremo capire come arrivarci perché in aereo i costi sono piuttosto alti!

Cagliari

A Cagliari abbiamo fatto un giretto sul lungomare e nelle viuzze interne arrivando sino alla Torre dell’Elefante, sfiancati dal caldo umido…

Civitavecchia

Abbiamo girato per Civitavecchia – mi vergogno a scriverlo – quando abbiamo realizzato che siamo partiti troppo tardi per prendere il treno per Roma… Abbiamo fatto un giretto in cerca di souvenir, un paio di foto sul lungomare ed un hamburger prima di risalire a bordo della nave…

Il motivo per cui scegliamo le crociere è fondamentalmente la comodità: la cabina riordinata diverse volte al giorno, i pasti già pronti disponibili praticamente a tutte le ore e la full immersion (ahimè) in un divertimento continuo e senza orari. Essere genitori di un ragazzino special  – come dice un caro amico – ci costringe a vivere una vita tranquilla, ritmata, scandita dalla routine del raggio che ormai è diventata anche un po’ nostra.

Ogni tanto sentiamo quindi la necessità di un po’ di riposo e divertimento e partiamo quindi per una settimana tutti insieme. Certo, non è comunque semplicissimo, alla fine c’è sempre qualcuno che comprende che il raggio non è un ragazzino normotipico, ci sono gli sguardi che mi sento puntati sulla schiena ma che cerco di ignorare con tutte le mie forze. Non vale la pena rovinarsi una settimana di super stimoli cognitivi per il pargolo a causa di qualcuno che mi lancia sguardi di tacito rimprovero o di costernazione.

Ogni viaggio è un momento in cui cerco di imprimere il più possibile nella mia mente (oltre che nelle centinaia di fotografie 😉 ) una scorta di posti fantastici e di sensazioni di pace e felicità che dovranno poi accompagnarmi per il resto dell’anno ed un’occasione per stare tutti insieme ed abituarmi al fatto che non saremo mai una famiglia tipica, ma che comunque non ci divertiamo di meno!

nave