Scegliendo le primarie


school-bus
Non quelle del PD, ma la scuola per il pargolo.
A partire dalla prossima settimana infatti, con mio marito ci dedicheremo a visitare le scuole primarie “papabili” dove poter iscrivere il raggio.
Qualche giorno fa è venuto in asilo un funzionario della scuola elementare confinante per descrivere le varie attività offerte.
Oltre a valutare la distanza da casa, gli orari e le attività di studio ed eventualmente sportive cerchiamo una scuola che possa essere a misura di bambino “imperfetto”, imperfetto per gli altri ovviamente, non per noi che lo amiamo con una forza tale che non avremmo mai immaginato di poter provare.
Cerchiamo una classe tranquilla, con delle maestre pazienti, magari non tanto lontana da dove abitiamo e con un’insegnante di sostegno che abbia una preparazione minima sui problemi cognitivi e comportamentali conseguenti ad una malformazione cerebrale.
Mission impossible, insomma.
Il raggio presenta alcuni sintomi simil ADHD ed altri causati dall’ACC.
L’anno scorso credo di aver rischiato seriamente la gastrite per le uscite dalla classe, che non mi hanno mai trovata molto d’accordo, ma che secondo le maestre servono al bambino per calmarsi e fare attività con la maestra di sostegno e con un gruppetto di compagni. E’ tutto perfettamente legale, basta scriverlo nel PEI come viene anche fatto nel nostro caso, come ha per esempio citato qui Carmelo di Bianco sul nero.
Non viene chiesto nulla ai genitori, basta siano in accordo insegnanti di classe e d’appoggio.
Vogliamo anche parlare di come a molti amici con figli speciali di pochi anni più grandi del nostro sia stato proposto il CSE (la scuola speciale o centro diurno o come vogliamo chiamarlo insomma…)?
Capirete quindi perché la scelta toglie il sonno a me e mio marito!
Siamo molto lontani dalle linee guida dell’integrazione dei ragazzi disabili purtroppo…
Pubblicato in integrazione, scuola, sostegno, vita quotidiana | Lascia un commento

Adottare?

panorama
Ed ecco una foto del nostro week end a Genova…
Ovviamente scherzo, noi a Genova ci viviamo e ci siamo nati, questa è solo una parte di panorama (a ponente) che si vede dall’undicesimo piano della torre A della Regione Liguria. Ma come e perchè ci siamo arrivati?
Lo scorso week end con il marito abbiamo partecipato al corso organizzato da ASL e Regione per gli aspiranti genitori adottivi.
Ebbene sì: se leggete questo post e quest’altro apparirà piuttosto chiaro che sono anni che ormai siamo indecisi se allargare o meno la famiglia, forse ormai troppi e così abbiamo deciso insieme di intraprendere questo cammino.
Non è un ripiego: potrei tranquillamente avere altri figli, ma ormai avrebbero 6 anni di differenza col raggio .
Nell’estate 2011 siamo andati col consorte a richiedere la lista dei documenti da presentare al tribunale dei minori e poi ci abbiamo riflettuto sopra un anno.
Volevamo capire se ci sentivamo pronti a “metterci a nudo” ed ora abbiamo deciso di lanciarci.
Pur sapendo che, se riusciremo ad arrivare in fondo, troveremo bambini traumatizzati, maltrattati, feriti… mi ritrovo spesso a sognare ad occhi aperti la casa con il raggio ed un fratellino (oppure -one?) che giocano. L’idea è più quella di un pargolo che adotti noi 3 franati, insomma un venirsi incontro a metà strada. Sogno un bambino grandicello, anche se avrà molte ferite da sanare ed una storia difficile alle spalle. Sento che abbiamo molto amore ancora da dare, che spero sia abbastanza per 4 oltre che per 3.
Sono sdolcinata da far venire il diabete, ma ora giuro smetto e torno coi piedi per terra.
Ho la stessa sensazione di quando si aspetta di leggere il test e si spera sia positivo, solo che questa durerà anni (nel migliore dei casi) e “nascerà” un pargolo che avrà più o meno l’età per andare alle elementari.
Un abbraccio a tutti.
Pubblicato in adozione, vita quotidiana | 1 commento

Week end a Pisa

Pisa (2012)

Vi starete ormai chiedendo… ma un bel week end a lavare, stendere, cucinare, spazzare ecc… no?
Beh sì certo, ma non sarebbe interessante parlarne!
Siamo tornati giusto oggi da 3 giorni a Pisa, dopo aver soggiornato in un residence in periferia carino e molto spazioso, con un mucchio di negozi e servizi a pochi metri (banca e bancomat, bar, lavanderia, panificio… tanto per citarne alcuni) e la fermata del bus che ti porta dritto in centro alla stazione.
Da lì, prendendo la LAM rossa, ritrovarsi davanti alla Torre – stupenda – è un attimo!
Confesso: un po’ lo facciamo per noi. Un week end ogni uno-due mesi ci rilassa, ci distrae e spezza un po’ la solita routine casa-asilo-lavoro, ma vogliamo vedere gli effetti a lungo termine di queste nostre “scorribande” sul raggio.
Non credo nei miracoli, anche se in questi anni potrei dire di averne visti alcuni, e so che nostro figlio porterà tutta la vita – più o meno accentuati – i segni lasciati dall’agenesia, ma voglio dargli divertimento e stimoli insieme, almeno finché con il papy riusciremo a fare i giovincelli a zonzo per l’Italia e finché il cervellino agenetico del raggio sarà ancora abbastanza plastico per poter modificare le connessioni tra gli emisferi.
Intanto abbiamo scoperto che – almeno in questi pochi giorni – è stato attratto da Topolino, quello settimanale in edicola, tanto che si è lasciato leggere qualche piccola storiella sul divano nel soggiorno del residence!
Infine abbiamo anche visto che una delle grandi passioni del raggio è la fotografia.
Qualche mese fa infatti, gli abbiamo regalato il cellulare del papy che era passato ad un modello più nuovo ed avanzato, installandogli un paio di giochini scaccia pensieri e bloccando l’accesso – ovviamente – a telefonate e play store di google.
Ebbene, tra un giochino e l’altro, ci ha scattato non so quante fotine, in questi giorni chiedendoci anche di metterci in posa secondo il suo gusto: alcune sono venute talmente bene che le ho passate sul mio cellulare ed ogni tanto me le vado a guardare.
Nonostante la stanchezza, l’esborso e i Km macinati sinora ne è valsa la pena al 100%!

 

Pubblicato in vita quotidiana, week end | Lascia un commento