Bambini nel passeggino ma… fino a che età?

 

Immagine: FreeDigitalPhotos.net

 

Qualche tempo fa mi è capitato di leggere questo articolo sul Corriere della Sera online.

La giornalista parla del fatto che a Milano molte mamme adoperano il passeggino per rapidità per gli spostamenti dei pargoli anche se questi ultimi hanno già 6 anni compiuti o quasi.

Ammetto di aver iniziato dopo la lettura dell’articolo a far caso alle mamme che vedo normalmente per strada: anche nella nostra città – Genova – ho notato bambini grandicelli in passeggini di tutte le fogge e dimensioni: 3 ruote, ultraleggeri, modelli vecchiotti e modelli più nuovi e recenti.

Non sono tantissimi, comunque, perché a causa della conformazione del paesaggio (colline a picco sul mare) non è certamente comodo trascinarsi bimbo, borse e passeggino nelle scalinate ripide o nelle lunghe salite.

Ora però il problema si pone anche a me.

Tra un mese circa M. inizierà il nido. Il mio sogno sarebbe di riuscire a portarlo all’asilo tenendolo per mano, ma da un paio di mesi non dà la manina, si mette a correre all’improvviso o s’impunta e non vuol camminare…

Il mio dubbio quindi è: partire un’ora prima e cercare di fare il percorso casa-nido a piedi o caricarmi il passeggino ultraleggero chiuso in spalla e (una volta finite discese e scalinate) sederci il bambino e correre all’asilo?

Nato 3 volte

Oggi, mentre sbirciavo qua e là tra blog, mi è capitato di leggere una lettera di una mamma che raccontava che suo figlio è nato 3 volte .

Rileggendo questa frase mi è scappato un sorriso perché, per ragioni leggermente diverse, anche M. è nato 3 volte.

La prima è stata quando lo abbiamo concepito (censura hihihi).

La seconda quando, pur avendo fatto tutti i passi per l’IVG (compresa la visita con uno psichiatra perché il mio ginecologo è obiettore di coscienza) con R. abbiamo deciso che sarebbe nato.

La terza quando a un anno d’età (meglio tardi che mai) è stato battezzato.

Il nostro parroco ci ha regalato un dvd che illustrava tutte le varie fasi della cerimonia che si intitolava “Nascere due volte”. Ricordo che ci spiegò che il battesimo è la seconda nascita. In quel momento non ho avuto il coraggio di spiegargli che eravamo già a quota tre.

Una piccola curiosità: quando ho scelto di portare avanti la gravidanza la sensazione è stata molto simile, se non proprio identica, a quella che ho provato quando ho scoperto di essere incinta: gioia e paura INSIEME.

Se tra voi che mi leggete c’è una mamma che vissuto la mia stessa esperienza o ha provato i miei stessi sentimenti la prego di scrivermi (anche privatamente) se ne ha forza e voglia) per condividere le nostre esperienze. Grazie.

Asilo nido – seconda parte e altre piccole novità

Oggi R. ed io abbiamo scoperto di avere fondamentalmente due possibilità per quanto riguarda il nido:

– un posto a part time da metà novembre

– un posto full time ma a partire da gennaio 2010

A giorni ci arriverà una raccomandata dalla segreteria e avremo 7-8 giorni per decidere.

Esiste anche la possibilità, ma secondo me è abbastanza remota, che i genitori di una bambino che non frequenta a giorni mandino la rinuncia. Se così fosse M. avrebbe un posto libero subito a tempo pieno. Sono combattuta: ci spero e non ci spero proprio. Vorrei farlo cominciare subito, ma mi sento una madre pessima a separarmene. Sono l’ansia fatta persona, lo so!

Oggi finalmente sono arrivati i risultati dei cariotipi mio e di R. : entrambi sono normalissimi, come anche era risultata perfetta l’amniocentesi 2 anni e mezzo fa. Credo che, effettivamente, non esista una spiegazione logica (o comunque genetica) per l’ACC del nostro cucciolino.

Stamattina sono anche riuscita  a chiedere al mio responsabile un cambio di turno in vista dell’inizio del nido appunto. Ora lavoro di pomeriggio, ma per portare M. in asilo e riprenderlo ho necessità di lavorare al mattino.

In meno di un mese la nostra vita si sta modificando parecchio e ho come la sensazione che questo non sia ancora niente. Speriamo bene!

 

P.S. Stamattina è nato il bimbo della mia collega, se questo week end ce la faccio vado a trovarla e a rimirarmi lui dal vetro del nido!