I love my dogs – seconda parte

rocco-siffredi-abbandono_318_456
Ieri – tutti insieme – siamo finalmente riusciti a fare i vaccini alle due pinscher per poterle fare finalmente un po’ uscire di nuovo.
Avrei dovuto portarle ad ottobre 2010 ma con tutti i casini di quel periodo, le cagnoline sono passate in secondo piano.
Potete immaginare il delirio di riuscire a far stare ferme due cagnette in una macchina in movimento (per una era la prima volta che ci saliva, gli altri anni scendevamo dal veterinario a piedi) ed il caldo tremendo con due belvette tra le caviglie…
Il raggio mi ha generosamente aiutata tirando talmente il guinzaglio alla pinscher marrone che per ben due volte è riuscita a sfilarselo; poi mi ha annodato quello dell’altra cagnetta ad una caviglia così ho rischiato di cascare in braccio al dottore (!!)
Comunque, anche questa è fatta e tra pochi giorni ci avventureremo nuovamente fuori tutti insieme.
Approfitto di questo post per lanciare un appello: anche se è estate, non abbandonate i vostri animali domestici!
Se potete portateli o con voi o tentate di trovare qualcuno che possa ospitarli sino al vostro ritorno.
Un piccolo gesto che i nostri cuccioli e non, meritano davvero!

Pizza!!

1034136_68699473

 

Segnatevi la data di oggi perché finalmente, il raggio ha mangiato la sua prima vera pizza con noi!! In realtà ha preso una fetta o due da una margherita, però stavolta – anziché rubare i pezzi dai nostri cartoni – ne aveva una tutta per se’!
Che bello vederlo finalmente masticare e constatare che pian pianino inizia ad accettare i nostri stessi cibi!
Il bello è che una delle sue maestre d’asilo mi aveva detto che gli avevano già fatto assaggiare questo tipo di cibo, ma credevo si fosse confusa con un altro dei suoi alunni.
Chissà però a cosa erano dovute le sue difficoltà nella masticazione: errori miei nello svezzamento, pigrizia, disprassia? Ai posteri l’ardua sentenza…
L’importante è che anche questo scoglio sia superato!

 

Passeggiando una domenica d’agosto…

224029_5379
Ieri, anzi, l’altro ieri ormai, con il papy, abbiamo dedicato l’intero pomeriggio al raggio.
Abbiamo fatto una “fuga” in centro ed abbiamo iniziato a passeggiare.
Prima tappa la Fnac (non voglio fare pubblicità, ma sennò sarebbe un casino spiegare di che negozio si tratta).
Il pargolo sfrecciava estasiato tra tutti i ripiani colmi di giochi per console, libri e CD musicali, tentando di afferrare tutto!
Abbiamo chiesto ad una commessa quello che ci serviva e l’abbiamo preso al volo dirigendoci rapidi verso le casse.
Mentre stavamo pagando, però,  il raggio ha pensato bene di sdraiarsi sulla panchina coi cuscini imbottiti di fianco ad una delle uscite. Argh, no raggio, seduto ma non sdraiato, dai!
Feltrinelli.
Qui a Genova è enorme (distribuita su 3 piani), non so nelle altre città.
Mio marito cercava un giallo.
Ho convinto allora il patatino a salire nel reparto bambini, dove ha disegnato, sbirciato qualche librino e fatto due chiaccherine con altri bimbi.
Ha tentato la fuga verso una zona per soli addetti, ma il mio sguardo semi-incaxxoso lo ha convinto a desistere.
Alle casse, comunque, è riuscito a infilarsi dietro al bancone in mezzo alle commesse!
Ultima, ma non meno importante, la gelateria (necessaria più a noi che a lui per rimpinguare gli zuccheri bruciati per seguire i suoi ritmi velocissimi).
Coppettina micro bigusto per il raggio ed il papy e macedonia per me.
Il pupo ha tentato un’ultima fuga nel magazzino e cercato successivamente di mandare in corto la pattumiera tecno con la fotocellula che si apriva da sola.
La proprietaria a questo punto ci chiede “Ma è sempre così attivo il bambino?”
Inutile negare 🙂
Sono convinta però che facendo uscire la belvetta spesso con noi e spiegandogli dove vogliamo andare e cosa ci aspettiamo che faccia o meno, prima o poi riusciremo a convincerlo a non fuggire infilandosi in tutti i posti più strani!
Il nostro obiettivo non è rilassarci – non sia mai! – ma far fare nuove esperienze all’angioletto ipervivace.