È nata una Stella

 

Avete presente gli angeli disegnati su una nota marca di pannolini per neonati? Secondo me li stampano per addolcire un po’ la pillola e far dimenticare le robe raccapriccianti che si vedono una volta cambiati i piccoli. 😉

Scherzi a parte 2 mesi fa è nata Stella, con quasi 10 anni di differenza rispetto al raggio. È stato strano ma bellissimo essere incinta della mia piccolina a 40 anni, quando ormai molti ginecologi dicevano che sarebbe stato difficile o quasi impossibile concepire, e partorire 4 giorni dopo aver compiuto 41 anni.

L’ultima settimana di gravidanza ero così grossa che ormai praticamente non camminavo più: mio marito ed il pargolo mi rotolavano​ da un posto all’altro 🙂

Il raggio, dopo un momento di delusione dopo aver saputo che sarebbe arrivata una sorellina e non un fratellino, ora è attaccatissimo alla bimba: la coccola, la protegge e spesso mi chiede di dormire con lei (cosa che magari proverei a fare se non fosse che ormai è un piccolo colosso di quasi un metro e sessanta di altezza!).

Col senno di poi avrei dovuto provare a dare un fratellino o una sorellina al raggio un po’ prima, ma io e suo papà avevamo molta paura dell’ACC. Ricordo infatti come se fosse oggi mio marito che, durante l’ecografia che si esegue prima della villocentesi, ha chiesto alla dottoressa che stava svolgendo l’esame se era visibile il corpo calloso: cosa ovviamente impossibile in uno scricciolo di 10-12 cm. L’ho seguito anch’io a ruota domandando le dimensioni del terzo ventricolo cerebrale appena iniziata l’ecografia morfologica qualche mese dopo. Sentire la dottoressa pronunciare sette centimetri e mezzo anziché dieci e ottantanove come il raggio  non ha prezzo.

Spesso mi chiedo cosa avremmo fatto se la villocentesi avesse evidenziato qualche trisomia o se la morfologica avesse rivelato un altro caso di ACC o altro. Stella sarebbe nata lo stesso? Non mi so rispondere ma ringrazio il cielo di non essermi trovata nuovamente di fronte ad una scelta del genere.

Ho solo un unico rimpianto: non aver potuto adottare un bambino a causa dell’ACC del  raggio. Prima e dopo averci dichiarati inidonei ci hanno suggerito in parecchi di fare in altro figlio biologico, ma a causa di questi criteri assurdi per essere idonei quanti bambini cresceranno senza l’amore di una famiglia?

Nato 3 volte

Oggi, mentre sbirciavo qua e là tra blog, mi è capitato di leggere una lettera di una mamma che raccontava che suo figlio è nato 3 volte .

Rileggendo questa frase mi è scappato un sorriso perché, per ragioni leggermente diverse, anche M. è nato 3 volte.

La prima è stata quando lo abbiamo concepito (censura hihihi).

La seconda quando, pur avendo fatto tutti i passi per l’IVG (compresa la visita con uno psichiatra perché il mio ginecologo è obiettore di coscienza) con R. abbiamo deciso che sarebbe nato.

La terza quando a un anno d’età (meglio tardi che mai) è stato battezzato.

Il nostro parroco ci ha regalato un dvd che illustrava tutte le varie fasi della cerimonia che si intitolava “Nascere due volte”. Ricordo che ci spiegò che il battesimo è la seconda nascita. In quel momento non ho avuto il coraggio di spiegargli che eravamo già a quota tre.

Una piccola curiosità: quando ho scelto di portare avanti la gravidanza la sensazione è stata molto simile, se non proprio identica, a quella che ho provato quando ho scoperto di essere incinta: gioia e paura INSIEME.

Se tra voi che mi leggete c’è una mamma che vissuto la mia stessa esperienza o ha provato i miei stessi sentimenti la prego di scrivermi (anche privatamente) se ne ha forza e voglia) per condividere le nostre esperienze. Grazie.

E finalmente… la nascita!

La notte prima del cesareo penso di non aver dormito, forse un’oretta…
Alle 5 del mattino comunque ero già attaccata al monitoraggio e alle 8 ero in sala operatoria.
Ho scelto il cesareo perchè guardando le altre donne della mia famiglia e di quella di mio marito ho visto che avevano avuto tutte o quasi parti difficili, sfociati tutti poi in cesarei d’urgenza. Certamente avevo anche paura del dolore fisico del parto naturale, ma anche e soprattutto che qualcosa andasse storto ed il bambino rischiasse di soffrire.
Avevo sempre sognato un parto come nei film con la madre distrutta ma felice con il piccolo in braccio ancora da lavare.
Chiaramente è stato tutto diverso nel mio caso.
Dopo diversi tentativi di epidurale (l’anestesista non aveva letto nella cartella clinica che io ho la scoliosi) che nei giorni successivi mi hanno provocato un mal di testa abbastanza consistente, inizia l’operazione.
Devo essere sincera: non si sente dolore, solo muovere.
Ricordo il freddo dell’aria condizionata accesa al massimo ed un radio che suonava, ma non saprei dire che canzone… Avevo un telo verde davanti al viso che copriva tutto quello che stavano facendo i medici.
Finalmente sento il pianto del bimbo, ma non me lo portano subito perchè devono controllarlo e lavarlo.
A causa dell’ACC avrei dovuto partorire in una struttura di III livello come raccomandato nei protocolli medici, invece ho scelto il piccolo ospedale vicino casa di I livello dove sono nata anch’io e dove quasi tutti i parenti miei e di mio marito hanno lavorato per una vita, quindi nella stanza accanto c’è un neonatologo che controllerà mio figlio M. centimetro per centimetro.
Alla fine stabiliscono che è tutto a posto e dopo averlo pulito e pesato ed aver messo un bracciale di plastica con gli stessi dati ad entrambi me lo portano, avvolto in un copertina.
L’infermiera continua ad insistere perchè lo baci (alla fine l’ho fatto) e grida che è un maschio: ricordo che anzichè coccolarlo cercavo di contargli le dita delle mani e dei piedi e di guardare che aspetto avesse.
Ho rivisto M. parecchio dopo, quando le mie compagne di stanza erano già state tutte cesareizzate ed avevano già tutte i loro piccoli in braccio perchè nel frattempo è stato portato in incubatrice in un altro padiglione a fare un’eco transfontanellare.
Da quest’ultima sembra risultare che M. abbia un pezzettino di corpo calloso, cosa che comunque mi convincerà a non sottoporlo più a nessun esame alla testolina perchè ognuno che guarda ci vede qualcosa di diverso e ci stressiamo tutti.
Quando sarà grande, se vorrà, magari farà una risonanza magnetica o una TAC.
Quando finalmente in quella bellissima ma stancantissima giornata, riesco ad avere mio figlio tra le braccia arriva un dottoressa che era tra coloro che hanno sottoposto M. alla transfontanellare che mi dice di stare tranquilla, che va tutto bene.
Effettivamente il problema più grosso che si presenta in quel momento è che M. rigurgita spesso, ma ne più ne meno come gli altri piccoli.
Per 3 settimane riesco a dargli il mio latte.

L’ACC però mi ha rubato la spensieratezza, mi ha sottratto la felicità che tutte le mamme sperimentano quando aspettano un bambino. Se i medici mi avessero detto come sarebbe stato mio figlio, senza spaventarmi inutilmente, la mia gravidanza non si sarebbe trasformata in un incubo.
La cosa più pesante, secondo me, è che nessun dottore o quasi saprà spiegare a due genitori spaventati che hanno la loro creatura con ACC come sarà alla nascita. Molti ti dicono che devi aspettare un paio d’anni e vedere, che potrebbe anche non avere nulla, ma molti giustamente non se la sentono di affrontare un’incognita così grossa e interrompono la gravidanza.
L’unica cosa che rimpiango è che vorrei aver tenuto mio figlio tra le braccia senza avere un pensiero al mondo, senza dover fare la scelta più difficile della mia vita…
ma ne è valsa la pena!
Ogni giorno mio figlio mi ripaga col suo amore, oltre che con i suoi progressi.