Baby blues, la mia esperienza

Immagine presa su Internet

 

I film in tv e le pubblicità ci hanno forse abituati ad un’immagine di famiglia un po’ distante dalla realtà. Madri che cucinano, lavano i pavimenti e stirano, vestite come ad una sfilata di moda coi capelli perfettamente in piega. Se prendiamo un qualsiasi spot di pannolini per bambini poi, vediamo solo bimbi angelici e sorridenti.

 

Peccato che poi invece la realtà sia un po’ differente!

 

In questi giorni un fatto di cronaca accaduto vicino a dove abitiamo (che per delicatezza preferisco non citare) mi ha fatto riflettere sul periodo delicatissimo che è quello in cui mamma e bambino vengono dimessi dall’ospedale ed imparano a conoscersi e ad interagire tra loro. E’ il momento più importante, secondo me, quasi più importante dell’intera gravidanza.

 

A volte capita che la mamma si senta un po’ giù di morale, pianga e sia un po’ stressata ma si può arrivare ad uno stato depressivo serio.

 

A me è capitato di star male psicologicamente, dopo la nascita di M., ho iniziato a riprendermi quando aveva circa 6 mesi . Voi che state leggendo queste righe potreste controbattere che avevo tutti i motivi per crollare, ma ho avuto modo di constatare personalmente che il baby blues, ma anche la depressione vera e propria colpisce anche mamme di bambini sanissimi.

 

Il crollo degli ormoni dopo il parto unito secondo me al fatto di dover imparare a fare i conti con una nuova realtà e di non riuscire a dormire bene (i neonati si svegliano nella maggior parte dei casi ogni 2 o 3 ore per poppare), provoca alla mamma uno stato di sconforto.
A questo punto è fondamentale avere qualcuno accanto (compagno, marito, genitore amica ecc…) che ci comprende e ci fa sentire che capisce che siamo in difficoltà. Per è stato fondamentale mio marito che, quando M. aveva pochi mesi, mi ha pian piano convinta ed aiutata a reagire. E’ anche utile avere una persona a cui delegare le faccende di casa più pesanti, almeno i primi tempi.

 

Dobbiamo arrenderci al fatto che noi siamo mamme reali, non da film. Se non laviamo i pavimenti 2 volte al giorno perché il piccolo ha le coliche o se non abbiamo passato la cera perché abbiamo portato il pargolo a spasso in passeggino al parco non morirà nessuno.

 

Mi premeva scrivere questo perché molte neo mamme non confesserebbero mai il loro malessere, ma questo le porta a stare ancora più male e a sentirsi sempre più sole.

 

A fare la mamma si impara giorno per giorno, come si impara qualunque altra cosa nel corso della vita. Si sbaglia, si cade, ci si rialza e si va avanti.

Tosse, tosse e ancora tosse!

Il pediatra si è finalmente arreso all’evidenza che dopo un mese di tosse sia di notte che di giorno M. aveva forse bisogno di un antibiotico.

Personalmente non mi piace ne assumere ne far assumere antibiotici. Quando riesco mi curo e cerco di utilizzare anche su consorte e pargolo solo medicinali omeopatici, ma quando ci vuole ci vuole!

 

Le notti ora viaggiano velocemente senza cavernosi colpi di tosse, richieste di acqua e perdite di ciuccio con conseguente piantino per convincere papà e mamma a riemergere dal sonno profondo (sigh) per cercarlo.

 

L’altra sera eravamo tutti e 3 nel lettone e aspettavamo che M. si addormentasse. Erano circa le 21.30. Luce colorata bassa per rilassarsi, umidificatore a tutto spiano, tapparelle chiuse… Ad un certo punto M. ci chiede: “Devo fare nanna?”. E noi a lui: “Magari!”. Alla fine si é arreso a Morfeo ed è crollato mentre io ridevo nel buio sentendolo russare. Se non avessi avuto paura di svegliarlo gli avrei scoccato un megabacio!

 

 

Non siamo soli

Lunedì rientrerò al lavoro e mi sento già in colpa ora perché potrò dedicare meno tempo a M. , quindi temo addio passeggiate mattutine ed “incursioni” al mercato a sbirciare per cercare qualche vestito, camicetta o top carino ma a buon prezzo.

Nei giorni scorsi mi è capitato di pensare  a tutti i progressi che ha fatto e fa il mio bambolotto.
Ancora oggi, a distanza di 2 anni e mezzo dalla diagnosi, mi capita di fare comunque inconsciamente confronti coi bambini che hanno circa la sua età.
Ultimamente però mi sento più serena: in queste due settimane a casa ci sono stati addirittura dei giorni in cui posso dire di essere stata felice!
Era una sensazione che non provavo più dalla diagnosi, appunto.

Oggi, insieme a Roby, ricordavamo quando i medici ci hanno parlato dell’agenesia per la prima volta e noi, non solo non sapevamo assolutamente cosa fosse il corpo calloso mi vergogno a dirlo, ma non avevamo neanche capito il significato della parola agenesia!
La strada da percorrere per noi è ancora lunga ma ci sentiamo pronti o forse siamo solo incoscienti!

In questi anni “grazie” all’ ACC ho conosciuto persone che ci hanno aiutati, ascoltati e sostenuti e che nel periodo pre ACC mai avrei pensato potessero esistere!
E’ incredibile e terribile insieme come ACC – come purtroppo credo altre malattie rare – non distingua tra le diverse parti del mondo, i ceti sociali ed il sesso delle persone.
E’ fondamentale per me comunque il fatto di sapere di non essere soli e di poter parlare, sfogarsi e consigliarsi con persone che vivono la nostra stessa situazione.

Quindi a chi si trova a vivere le stesse difficoltà che abbiamo attraversato anche noi, dico: parlate parlate e poi ancora parlate. Cercate gruppi di auto aiuto, associazioni di genitori ed eventualmente fate una chiaccherata con uno psicologo se ne sentite la necessità.
Non isolatevi e non abbandonate la speranza: a tutto c’è rimedio ed il tempo lenisce le ferite.

L’amore mi ha spiegato ogni cosa, l’amore ha risolto tutto per me. Perciò ammiro questo amore ovunque esso si trovi.
Papa Giovanni Paolo II (Karol Wojtyla)