Scegliendo le primarie


school-bus
Non quelle del PD, ma la scuola per il pargolo.
A partire dalla prossima settimana infatti, con mio marito ci dedicheremo a visitare le scuole primarie “papabili” dove poter iscrivere il raggio.
Qualche giorno fa è venuto in asilo un funzionario della scuola elementare confinante per descrivere le varie attività offerte.
Oltre a valutare la distanza da casa, gli orari e le attività di studio ed eventualmente sportive cerchiamo una scuola che possa essere a misura di bambino “imperfetto”, imperfetto per gli altri ovviamente, non per noi che lo amiamo con una forza tale che non avremmo mai immaginato di poter provare.
Cerchiamo una classe tranquilla, con delle maestre pazienti, magari non tanto lontana da dove abitiamo e con un’insegnante di sostegno che abbia una preparazione minima sui problemi cognitivi e comportamentali conseguenti ad una malformazione cerebrale.
Mission impossible, insomma.
Il raggio presenta alcuni sintomi simil ADHD ed altri causati dall’ACC.
L’anno scorso credo di aver rischiato seriamente la gastrite per le uscite dalla classe, che non mi hanno mai trovata molto d’accordo, ma che secondo le maestre servono al bambino per calmarsi e fare attività con la maestra di sostegno e con un gruppetto di compagni. E’ tutto perfettamente legale, basta scriverlo nel PEI come viene anche fatto nel nostro caso, come ha per esempio citato qui Carmelo di Bianco sul nero.
Non viene chiesto nulla ai genitori, basta siano in accordo insegnanti di classe e d’appoggio.
Vogliamo anche parlare di come a molti amici con figli speciali di pochi anni più grandi del nostro sia stato proposto il CSE (la scuola speciale o centro diurno o come vogliamo chiamarlo insomma…)?
Capirete quindi perché la scelta toglie il sonno a me e mio marito!
Siamo molto lontani dalle linee guida dell’integrazione dei ragazzi disabili purtroppo…

Autore: Anna

Genovese, classe 1976, mamma del raggio e di Stella. Campionessa di tetris nell'incastrare impegni scolastici, sportivi e terapeutici del raggio col mio lavoro e la vita famigliare. Vivo giorno per giorno ed il mio motto è "Mai arrendersi!" ilnostroraggiodisole@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *