Come (tentare di) educare un piccolo terremoto quasi quattrenne

Nostro figlio è molto vivace, anzi troppo 🙂
Salta, corre, parla con tutti, saluta tutti,  osserva ovunque nulla gli sfugge. Di sicuro, quando esco con lui socializzo con un mucchio di persone.
Qualche tempo fa, durante un mio momento di stanchezza un’amica mi ha consigliato due libri (li ho acquistati entrambi e sto leggendo il primo):
Nessia Laniado “Come Insegnare l’Intelligenza ai Vostri Bambini”

e

Nessia Laniado “Come Stimolare Giorno per Giorno l’Intelligenza dei Vostri Bambini”

Entrambi spiegano in maniera chiara e semplice il metodo Feuerstein di cui ho parlato anche  qui .
Tutto sta nell’insegnare al bambino ad imparare, a stimolare la sua curiosità, a metterlo in condizione di porsi delle domande.
E’ importante anche che il bimbo abbia fiducia in sé e nelle proprie capacità.
Un passaggio che mi ha colpito molto è quello che consiglia di non limitare il bambino a causa delle proprie paure, errore che invece io facevo spesso.
Diamo la possibilità ai nostri pargoli ACC e non, di sbucciarsi le ginocchia. Una sbucciatura darà loro l’idea del pericolo più di tanti, troppi discorsi “Attento che cadi, scendi che ti fai male ecc…”.
Altro errore che mio marito ed io facevamo è quello di mostrarci in disaccordo davanti al pargolo.
Se tu stai sgridando il bimbo e tuo marito o tua moglie non è d’accordo, dovete comunque mostrarvi solidali davanti al piccolo per non confonderlo (anche perché sennò perdurerà nel comportamento errato, sentendosi protetto dal genitore che ha preso le sue difese).

Autore: Anna

Genovese, classe 1976, mamma del raggio. Campionessa di tetris nell'incastrare impegni scolastici, sportivi e terapeutici del raggio col mio lavoro e la vita famigliare. Vivo giorno per giorno ed il mio motto è "Mai arrendersi!" ilnostroraggiodisole@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*